2.1.3 Ordine di citazione

Allo scopo di garantire l'intelligibilità delle stringhe di soggetto e una loro coerente formulazione, occorre che la disposizione dei termini all'interno di ogni stringa sia fondata su criteri logico-linguistici, dipenda cioè dalla funzione logica che ciascun concetto adempie nella definizione del soggetto e non già da considerazioni circa la sua maggiore o minore importanza.

I seguenti criteri generali appaiono idonei a soddisfare i requisiti dell'intelligibilità e della coerenza.

(1)  Gli elementi extranucleari, poiché si riferiscono al nucleo del soggetto nel suo insieme con funzione di completamento, seguono nella stringa gli elementi nucleari.

(2)  Gli elementi nucleari e quelli dipendenti sono ordinati nella stringa secondo i seguenti principi:

(a)  principio della relazione uno a uno: i concetti legati da un più stretto nesso logico debbono essere citati in immediata successione, in modo tale da preservare le relazioni dirette (uno a uno) che esistono tra loro; per esempio, tra l'azione e il suo oggetto, tra l'azione e il suo agente, tra un concetto dipendente e il concetto da cui dipende. Tale principio è, per esempio, rispettato nella stringa:
Enti locali -- Personale -- Formazione professionale
poiché è mantenuta la relazione che lega ciascuna coppia di termini contigui: tra l'intero «enti locali» e la parte «personale», tra l'attività «formazione professionale» e l'oggetto dell'attività «personale»;

(b)  principio della costruzione passiva: quando nel soggetto è presente un concetto di attività transitiva, il concetto che esprime l'oggetto diretto va citato prima, mentre i concetti che esprimono il beneficiario e/o l'agente vanno citati dopo l'attività; qualora l'attività abbia valenza intransitiva, il concetto che esprime l'agente va citato prima dell'attività. Così, le due stringhe:
Droghe -- Consumo da parte degli adolescenti
Adolescenti -- Consumo di droghe
sono entrambe intelligibili, poiché costruite in conformità al principio della relazione uno a uno; tuttavia, va preferita la prima, in quanto i concetti vi sono disposti secondo l'ordine di citazione stabilito dal principio della costruzione passiva;

(c)  principio della dipendenza dal contesto: quando nel soggetto sono presenti concetti tra i quali esiste una relazione di dipendenza, i concetti interrelati vanno generalmente citati in modo tale che il concetto precedente definisca l'ambito di appartenenza o di riferimento del concetto successivo (per esempio, il tutto precede la parte).

L'applicazione di questi criteri determina un ordine dei termini nella stringa generalmente inverso a quello dell'enunciato di soggetto, cosicché tale enunciato può essere di solito ricostruito leggendo la stringa da destra verso sinistra.

Esempio:
Stringa: Immobili ad uso commerciale -- Locazione -- Legislazione
Enunciato: Legislazione sulla locazione di immobili ad uso commerciale

La stringa, inoltre, assume una struttura bipartita, quale quella illustrata dal seguente diagramma:


Enti locali -- Personale -- Formazione -- Italia -- Inchieste professionale ----------- --------- ------------- ------ ---------- | | | | | concetto parte azione luogo forma chiave | | | | | | | | | | elemento | | | | dipendente | | | ------------------------------ -------------- | | elementi nucleari elementi extranucleari

[g212a] -- [g213] -- [g214]


© AIB - EG, 1997-06 (rev. 1997-10-17). Versione sperimentale WWW corrispondente a Guida all'indicizzazione per soggetto / GRIS. - Roma : AIB, 1996 // P. 25-26

[Indice GRIS]