0.3 Definizioni

Nell'ambito del presente documento valgono le definizioni seguenti. Esse sono organizzate sistematicamente secondo quest'ordine: lemmi che identificano i referenti del linguaggio di indicizzazione (0.3.1-0.3.4); lemmi che rappresentano le unità del linguaggio di indicizzazione (0.3.5-0.3.9); lemmi che definiscono i componenti strutturali del linguaggio di indicizzazione (0.3.10-0.3.17).

0.3.1 Documento: qualsiasi unità informativa, che possa essere trattata mediante un'operazione di catalogazione.

0.3.2 Concetto: unità di pensiero (o idea singola) rappresentata con un termine di indicizzazione (vedi 0.3.5).

0.3.3 Soggetto:: concetto o combinazione di concetti che rappresenta un tema all'interno di un documento.

Nei sistemi di indicizzazione, prevalentemente precoordinati, che esprimono il contenuto concettuale dei documenti in forma di descrizione sintetica, il soggetto è inteso comunemente come il tema complessivo o centrale del documento.

0.3.4 Enunciato di soggetto: parola o combinazione di parole del linguaggio naturale che esprime il soggetto di un documento.

Questa definizione si riferisce all'espressione linguistica del soggetto identificato mediante l'analisi del documento, formulata mentalmente o anche per iscritto dall'indicizzatore in risposta alla domanda «di che cosa tratta / che cos'è questo documento?». Tale espressione, detta anche frase tipo-titolo, per la sua somiglianza con il titolo di un documento, serve come base per la traduzione del soggetto nel linguaggio di indicizzazione (vedi 0.3.10).

0.3.5 Termine di indicizzazione: rappresentazione lessicale di un concetto, preferibilmente sotto forma di un nome o di un sintagma nominale.

0.3.6 Termine preferito: termine di norma utilizzato nelle stringhe di soggetto per rappresentare un determinato concetto. Nel vocabolario è collegato ai termini non preferiti.

0.3.7 Termine non preferito: sinonimo, quasi sinonimo o forma variante di un termine preferito. Collegato al termine preferito, costituisce un punto di accesso nel vocabolario. In particolari circostanze può essere utilizzato nelle stringhe di soggetto al posto del termine preferito.

0.3.8 Termine composto: termine di indicizzazione che può essere scomposto in componenti separati, dei quali uno è identificato come il focus, l'altro o gli altri come differenze.

Un termine composto può essere analizzato nei seguenti componenti:
(a)  il focus (o testa), cioè il componente nominale da cui dipendono gli altri elementi e che identifica la classe generale di concetti cui il sintagma nominale si riferisce: per esempio, il componente nominale «edifici» nel termine composto «edifici commerciali»;
(b)  la differenza (o modificatore), cioè uno o più elementi che dipendono dal focus e che ordinariamente ne restringono l'estensione, specificando una delle sottoclassi della classe generale identificata dal focus: per esempio, l'aggettivo «commerciali» nel termine composto «edifici commerciali».

0.3.9 Stringa di soggetto: sequenza ordinata di termini, che rappresenta il soggetto di un documento.

0.3.10 Linguaggio di indicizzazione: strumento per la rappresentazione coerente, formalizzata e sintetica del contenuto concettuale dei documenti, funzionale alla segnalazione e al reperimento dei documenti stessi.

Un linguaggio di indicizzazione verbale di tipo precoordinato è costituito da: (a) un insieme controllato di termini scelti dalla lingua naturale per esprimere uniformemente e univocamente i singoli concetti; (b) un insieme di norme che regolano la disposizione dei termini in sequenze sintatticamente unitarie (stringhe di soggetto).

0.3.11 Vocabolario di indicizzazione: insieme controllato dei termini appartenenti al linguaggio di indicizzazione.

0.3.12 Controllo terminologico: insieme delle norme e delle procedure che regolano la forma dei termini costituenti il vocabolario di indicizzazione, ne garantiscono l'uniformità e l'univocità e ne stabiliscono le relazioni semantiche.

0.3.13 Relazioni semantiche: relazioni che collegano ciascun termine di indicizzazione ad altri termini sulla base del loro significato. Sono dette anche relazioni a priori.

0.3.14 Sintassi: insieme delle norme che governano la costruzione delle stringhe di soggetto, prescrivendo l'ordine di citazione dei concetti ed altri dispositivi (per esempio, la punteggiatura tra i termini).

0.3.15 Ordine di citazione: ordine in cui debbono essere disposti i concetti nella stringa di soggetto.

0.3.16 Relazioni sintattiche: relazioni logiche che esistono tra i concetti che definiscono un soggetto e, analogamente, tra i termini che rappresentano ciascun concetto nella relativa stringa. Sono dette anche relazioni a posteriori.

0.3.17 Ruolo: la funzione logica svolta dal singolo concetto (e dal termine che lo rappresenta) nella definizione di un soggetto.

[g02] -- [g03] -- [g04]


© AIB - EG, 1997-06 (rev. 1997-10-17). Versione sperimentale WWW corrispondente a Guida all'indicizzazione per soggetto / GRIS. - Roma : AIB, 1996 // P. 6

[Indice GRIS]